LaTeX sempre aggiornato su Ubuntu

Nei repository di Ubuntu è presente TeXlive, la popolare distribuzione di LaTex.

Per chi non lo sapesse, LaTeX (pronuncia: latek) è un potentissimo software di composizione tipografica. È basato sul principio della distinzione fra forma e contenuto e consente di creare pubblicazioni di altissima qualità.

La versione presente nei repository ufficiali non è aggiornata nel corso di vita del sistema operativo. Esiste un PPA, ma solo per Precise, e poco aggiornato.

Esiste una soluzione. Si tratta di uno script, che potete scaricare con il seguente comando:
wget https://github.com/scottkosty/install-tl-ubuntu/raw/master/install-tl-ubuntu && chmod +x ./install-tl-ubuntu

Prima di andare avanti, ricordiamoci di fare pulizia dei pacchetti TeXlive di Ubuntu eventualmente installati in precedenza:

sudo apt-get remove texlive*

A questo punto si può avviare:
sudo ./install-tl-ubuntu

Lo script avvia l’installazione via internet, scaricando la versione completa di TeXlive.

Se abbiamo una connessione lenta o vogliamo fare un installazione offline, possiamo in alternativa scaricare in anticipo l’ISO di TeXlive e darla in pasto allo script:

chmod +x ./install-tl-ubuntu --iso nomeiso.iso

A questo punto abbiamo TeXlive installato e facilmente aggiornabile. Basta lanciare:

sudo "/opt/texbin/tlmgr -gui"

e abbiamo l’interfaccia grafica di TeXlive manager.

Annunci

Eye of GNOME: pulsante per modificare i file con GIMP (Ubuntu)

Eye of gnome: interfaccia predefinita

A partire da Ubuntu 10.04,  il visualizzatore di immagini Eye of Gnome presenta un comodo pulsante per modificare le immagini. L’editor proposto è il gestore di foto: F-spot (Ubuntu 10.04) o Shotwell (Ubuntu 10.10).

E se volessimo usare un altro programma, come GIMP?

Niente di più semplice.

Apriamo l’editor di configurazione Gconf (alt+F2 → gconf-editor)
andiamo su /apps/eog/ui
quindi modifichiamo la chiave “external_editor”

inserendo la stringa “gimp.desktop”.

Questo sarà il risultato:

Eye of gnome: interfaccia personalizzata

Filezilla: nascondere le cartelle di configurazione di Ubuntu

Come impostazione predefinita Filezilla mostra tutte le cartelle di configurazione di Ubuntu. Per intenderci, quelle che si trovano nella cartella Home e sono nascoste (.fonts, .config., .openoffice.org, ecc.).

Quando queste cartelle iniziano ad essere numerose può risultare ostico individuare le cartelle locali che ci interessano (come Scrivania e Scaricati).

Nasconderle è semplice:
Andiamo in visualizza → filtro nomi file, e selezioniamo il filtro “Configuration files”.

Le differenze tra Google Chrome e Chromium

Da qualche tempo sono disponibili per Linux sia Google Chrome che Chromium. Ma qual è la differenza?

Chromium è il browser libero sponsorizzato da Google, su cui si basa Google Chrome. Quest’ultimo è distribuito con una licenza freeware proprietaria.

Nel dettaglio, ecco le differenze:

Google Chrome Chromium
Logo Colorato Blu
Segnalazione crash Sì, se è abilitato No
User metrics (invio statistiche
sull’uso del programma)
Sì, se è abilitato No
tag <audio> e <video>
di HTML5
H.264, AAC, MP3, Vorbis e Theora Vorbis e Theora
Traduzione pagine web
Codice Testato dagli sviluppatori Modificato dalle distribuzioni
Sandbox Sempre attivata Dipende dalla
distribuzione  (Ubuntu e Gentoo sì)
Pacchetti singolo pacchetto deb o rpm Dipende dalla distribuzione.
Spesso il programma è diviso in diversi pacchetti
Profilo Salvato in
~/.config/google-chrome
Salvato in ~/.config/chromium
Cache Salvato in ~/.cache/google-chrome Salvato in ~/.cache/chromium
Controllo di qualità Solo versioni stabili: i nuovi rilasci sono testati
prima di essere distribuiti
Dipende dalla distro e dal
repository usato
Flash Player Integrato No
Licenze EULA licenza BSD con altre parti soggette a varie licenze libere

Qui trovate la tabella originale in inglese.