Totem-mozilla: video senza volume in Firefox (Ubuntu 10.04). Workaround

Non tutti i siti infatti usano Flash o Silverlight per riprodurre i filmati. Il plugin totem-mozilla permette di vedere i video inseriti nelle pagine web con i tag <object> o <embed> (qui alcuni esempi).

La versione presente in Ubuntu 10.04 presenta un bug particolarmente fastidioso: il volume è di default al livello minimo. Ogni volta che avviamo la riproduzione di un video siamo costretti ad alzare il volume.

Il bug è noto, ed è stato segnalato su Launchpad (LP #527432).

In attesa che il bug sia corretto, possiamo usare il workaround suggerito nel commento #6 su Launchpad.
Da terminale diamo il comando:

gconftool --type int --set /apps/totem/volume 100

In questo modo è creata la voce “volume” nel registro di gnome, e viene impostata al livello massimo (100%).
Se preferite un livello di volume inferiore, inserite un altro numero al posto di 100.

Aggiornamento del 26 maggio 2010: il bug è stato corretto

Annunci

Firefox: cercare nel sito corrente con Google

schermata di search site

Capita spesso di voler fare una ricerca interna al sito. Le soluzioni sono due:

  1. trovare nel sito una casella di ricerca, sperando che il webmaster sia stato previdente;
  2. fare una ricerca con Google di questo tipo: nomestringa site:indirizzosito

Search site è un’estensione di Firefox che semplifica le cose. Basterà digitare il testo nella barra di ricerca, e premere l’icona verde: apparirà una pagina di Google, con i risultati interni al sito.

È inoltre presente nel menu contestuale: se selezioniamo un testo e clicchiamo col tasto destro del mouse, ci comparirà l’opzione per fare una ricerca nel sito.

Share

Alla ricerca di un browser leggero per ubuntu

Da tempo cerco un browser leggero, adatto per un vecchio computer (pentium IV con 256 MB ram) su cui ho installato Xubuntu.

Ho provato diversi browser alternativi, per fare un piccolo test sull’uso di ram. Ho aperto in successione i seguenti siti:

I risultati in MB (chiaramente empirici) non sono molto confortanti:

Browser All’avvio 1 scheda 4 schede 6 schede
Firefox 3.5.6 20,8 35,9 83,3 120,1
Seamonkey 2.0.1 18,9 33,2 78,5 107,6
Chromium 4.0.283.0 (35283) 29,8 63,9 118,8 130,2
Midori 0.22 25,3 45,3 100,6 119,7
Kazehakase 0.58 11,1 33,4 78,1 101,2
Opera 10.10 30,9 50,1 107,1 137,9
Epiphany 2.29.3 18,1 36,7 91,8 133,5

.

Mi aspettavo qualcosa di meglio, soprattutto da Epiphany e Chromium. A quanto pare Webkit è veloce, ma anche esoso in termini di memoria ram.

Il migliore sembra essere Kazehakase (Gecko), che però manca di alcune funzioni fondamentali: prima fra tutte il blocco pop-up. Sorprendentemente Seamonkey occupa meno memoria di Firefox, nonostante integri anche un client di posta, un editor html e un client irc.

Firefox: avviare un terminale dal menu contestuale

A volte lo usiamo per installare programmi, altre per avere informazioni, altre ancora per configurare al meglio la nostra distro.

Il terminale di Linux è uno strumento decisamente utile, dalle mille potenzialità.

Molto spesso eseguiamo comandi trovati sul web, proposti da un blog o suggeriti in un forum di supporto. Tuttavia è scomodo copiare il testo, poi aprire il terminale e incollare il testo (ricordandosi che ctrl-v non funziona, bisogna usare ctrl-shift-v).

Continua a leggere

Novembre 2007: Firefox cresce ancora

Stando ai dati pubblicati oggi da Market Share (http://marketshare.hitslink.com) Il browser di casa Mozilla riprende la crescita, raggiungendo il 16,01% del mercato. Un punto percentuale in più rispetto al mese precedente, quando la percentuale era del 14,97. Bene Opera, che passa dal 0,58 al 0,65%.

Nel frattempo prosegue l’emorragia di utenti di Internet Explorer. In un mese il browser preinstallato nei s.o. Windows ha perso un punto percentuale, scendendo al 77,35%.

Tra gli altri browser, continua a calare la quota di mercato delle vecchie versioni di Netscape e degli altri browser basati su Mozilla (tra cui Seamonkey e K-meleon). Cresce leggermente Safari, attestandosi sul 5,14 %.

Firefox parla in sardo, con Sardfox!

Sardfox

I progetti open source dispongono di un gran numero di localizzazioni, grazie all’apertura del codice e allo spirito di partecipazione di innumerevoli volontari. Non poteva essere esclusa la lingua sarda. Già da tempo Abiword, un word processor alternativo a Microsoft Word, dispone di una completa localizzazione in sardo, realizzata da Mario Puddu e Francesco Cheratzu (i responsabili di Ditzionariu.org).

Prossimamente anche Firefox sarà utilizzabile in limba, grazie al progetto Sardfox. Gli sviluppatori si propongono di completare la localizzazione per il rilascio di Firefox 3.0. Se conoscete la lingua sarda, potete collaborare entrando in questa pagina.