Openoffice: sostituiamo i font di Vista (Calibri, Constantia & co.)

Windows Vista quattro anni fa ha introdotto 6 nuovi font: Cambria, Calibri, Candara, Consolas, Constantia e Corbel. Ultimamente stanno trovando sempre più diffusione nei documenti, anche perché Calibri è diventato il nuovo font predefinito di Microsoft Office.

Come visualizzare questi documenti in Openoffice? La cosa più logica sarebbe installare i caratteri. Tuttavia, a differenza dei “Core fonts for the web” (come Times new Roman e Arial), non sono stati resi liberamente disponibili dalla casa madre.

Il visualizzatore di Powerpoint (freeware) comprende i 6 font, tuttavia è inclusa la seguente clausola:

You may use the fonts that accompany the PowerPoint Viewer only to display and print content from a device running a Microsoft Windows operating system.

In altre parole, i font possono essere usati “solo su un computer con Windows in esecuzione”. La formula (pur non chiarissima) sembrerebbe limitare l’uso dei font al sistema operativo Windows.

Tre le possibilità:
1) Farci rimandare il documento in PDF (ma non sempre è possibile, soprattutto se si tratta di un documento che vogliamo modificare)
2) acquistare una licenza per i font (299$)
3) sostituire i caratteri, usando la tabella di sostituzione di Openoffice

Naturalmente non esistono cloni liberi dei 6 font, quindi ho cercato dei sostituti approssimativi tra i font di Ubuntu. Ad esempio Linux Biolinum ha dimensioni e metrica molto simili a Calibri, ma è semiserif. Potete fare delle prove, per cercare font anche più somiglianti.

Questi i pacchetti dei font che ho usato come sostituti:

ttf-inconsolata ttf-linux-libertine ttf-mgopen ttf-linex

Anche alcuni font di Windows XP non sono direttamente disponibili su Ubuntu. Ecco dei sostituti:
Arial Narrow→Free Helevetian Condensed (t1-cyrillic)
Century Gothic→ URW Gothic L
Tahoma→Dejavu Sans

Se volete andare oltre e sostituire anche Times New Roman e Arial potete usare i seguenti caratteri:
Arial → Liberation Sans
Times New Roman → Liberation Serif
Esistono font più somiglianti (come FreeSans e FreeSerif), ma soltanto i font Liberation hanno metrica e dimensioni praticamente identiche ai due font Microsoft.

Questo post è entrato a far parte della guida Cosa fare dopo l’installazione di Ubuntu 10.04 Lucid Lynx? Guida completa

Annunci

Arriva Linux Biolinum

Linux Biolinum

Linux Biolinum

Il progetto ”Libertine Open Fonts Project” ha pubblicato la prima versione stabile di Linux Biolinum. È un font senza grazie di tipo umanistico, con la stessa metrica del fratello maggiore Linux Libertine.

Al momento è disponibile nelle sole varianti ‘normale’ e ‘grassetto’.

Gli sviluppatori hanno anche aggiornato Linux Libertine alla versione 4.41.

Font open source/3: Junicode

Junicode

Junicode

Junicode è un tipo di carattere sviluppato per i medievalisti, ma adatto anche all’uso contemporaneo. I glifi sono ispirati al tipo di carattere usato dalla “Clarendon Press” nel XVII secolo.

Nella area di uso privato del carattere sono disponibili il maiuscoletto, i numeri minuscoli e numerosi caratteri medievali. Il tipo di carattere supporta, oltre all’alfabeto latino, gli alfabeti greco e runico. Offre numerose varianti: normale, corsivo, grassetto, grassetto corsivo e condensato.

È distribuito con licenza General Public License.

Download

Font Open Source/2: Gentium

Gentium

Gentium

Si tratta di un tipo di carattere sviluppato da SIL (Summer Institute of Linguistics), un’associazione biblistica evangelica. Il design è classico ed elegante.

Gentium comprende 1700 glifi, che coprono in modo esteso gli alfabeti latino, greco e cirillico. Il tipo di carattere dispone soltanto delle varianti ‘normale’ e ‘corsivo’; per questo motivo è stato sviluppato un carattere complementare, “Gentium Basic”, privo dei caratteri cirillici ma completo di grassetto e grassetto corsivo. È disponibile anche Gentium Book, una variante di peso maggiore.

Gentium è pubblicato con licenza OFL (Open Font License).

Download

Font Open Source/1: Linux Libertine

Linux Libertine

Linux Libertine

Linux libertine è un tipo di carattere open source, studiato per offrire risultati ottimali nella stampa.

È completo di oltre 2.400 glifi, che comprendono greco, cirillico ed ebraico. Dispone di numeri maiuscoli e minuscoli, legature e numerosi simboli matematici.

Fatto insolito per un font gratuito, offre una variante di vero maiuscoletto, elemento necessario per la tipografia di alta qualità.

È distribuito con licenza GPL e OFL, ed è disponibile in formato Truetype e Opentype. A dispetto del nome, può essere installato su tutti i sistemi operativi: Windows, Mac e Linux.

Download